Uso del cellulare durante la guida simile alla guida in stato di ebbrezza - Nuovo scenario normativo prevede ritiro patente immediato

Selezionata da Pietro Cazzola, MD

L’uso del cellulare durante la guida è un mezzo di “distrazione” a volte mortale. Utilizzare il cellulare durante la guida determinaun rischio quattro volte superiore a quello di guidatori non distratti e simile alla guida in stato ebbrezza (1). La distrazione alla guida è essenzialmente di tre tipi: Visiva (distogliere lo sguardo dalla strada); Manuale (togliere le mani dal volante); Cognitiva (concentrare la mente al di fuori della guida). L’invio di un sms attiva simultaneamente tutti e tre i meccanismi di distrazione.
L’uso del telefono cellulare alla guida di autoveicoli è regolamentato dal codice della strada all’articolo 173, comma 2 che prevede:“È vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare cuffie sonore, fatta eccezione per i conducenti dei veicoli delle Forze armate e dei Corpi di cui all'articolo 138, comma 11, e di polizia, nonché per i conducenti dei veicoli adibiti ai servizi delle strade, delle autostrade ed al trasporto di persone in conto terzi. È consentito l'uso di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare purché il conducente abbia adeguate capacità uditive ad entrambe le orecchie .”
La normativa prevede che il conducente deve avere le mani libere, essendo consentito l’uso del cellulare solo in caso di utilizzo di apparecchiature a viva voce o mediante l’utilizzo degli appositi auricolari. La violazione della norma è sanzionata con la multa compresa tra 148,00 e 594,00 euro.
Inoltre l’utilizzo di telefono cellulare durante la guida, in assenza di viva voce o auricolare, comporta ai sensi dell’articolo 173, comma 3 bis ”la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da uno a tre mesi, qualora lo stesso soggetto compia un’ulteriore violazione nel corso di un biennio”. Infine secondo l’articolo 173 comma 2 prevede anche la decurtazione di 5 punti alla patente di guida. Queste sanzioni potrebbero divenire ancora più severe entro l’anno a seguito di una proposta ora all’esame del Governo.
Un editoriale del New England Journal of Medicine (2) sul tema della guida distratta da attività come l’uso del cellulare ha analizzato se e come è possibile identificare modi semplici, rapidi ed efficaci per un counseling breve, integrando a procedure consolidate come il minimal advice per il fumo, su un comportamento ad alto rischio attuabile nell’ambito delle cure primarie. Il nuovo contesto normativo potrebbe favorire un messaggio dedicato e, su youtube, un video ad alto impatto emotivo prodotto dall’amministrazione britannica sull’educazione stradale (3).
Nel video la scena è di tre giovani donne che viaggiano in auto.Tutte indossanole cinture di sicurezza e sono sobrie. Normali chiacchiere tra adolescenti. La conducente decide di includere unamico nella conversazione e mentre gli manda unbreve sms sterza. All'improvviso, la macchina sbanda, invade la carreggiata opposta e si schianta contro un’auto proveniente dalla direzione opposta. Il finale drammatico vede la conducente, sopravvissuta e cosciente, di aver ucciso le sue due amiche per colpa di un messaggino. Anche se sappiamo che è una finzione lo scenariopurtroppo è reale: la guida  distratta da una conversazione o dall’invio di un  sms  aumenta la probabilità di incidenti che possono avere conseguenze mortali.
E’ difficile valutare l'incremento assoluto del rischio di collisione imputabile a distrazione del guidatore, unostudio ha dimostrato che parlare al cellulare durante la guida determinaun rischio quattro volte superiore a quello di guidatori non distratti e simile a quella di guida in stato ebbrezza (1). Un altro studioha dimostrato che scrivere messaggi di testo durante la guida potrebbe conferire un rischio di collisione23 volte superiore a quello di una  guida non distratti. E’ vero che i cellulari non rappresentano l’unica possibilità di distrazione per i conducenti, ma è anche vero che con più di 60 milioni di cellulari in Italia e più di 275 milioniin America  le conseguenze negative di un loro uso improprio durante la guida ha raggiunto proporzioni epidemiche. Infatti negli Stati Uniti  l'81%  dei proprietari di cellulari li usadurante la guida.
Negli USA il divieto d'uso del cellulare durante la guida, nei 14 Stati dove è stato emanato, ha prodotto una riduzione del suo utilizzo nel 60% nei soggetti di età < 25 anni (4) , ma nonostante ciò le vittime da guida distratta nel 2015 sono state 3477.
I dati suggeriscono che ogni anno almeno 1,6milioni di incidenti stradali in Gran Bretagna sono causati da conducenti che parlano al cellulare o rispondono a un sms. Ricordare ai pazienti che la guida distratta è approssimativamente equivalente allaguida in stato di ebbrezza è una dichiarazione che cattura l’attenzione sia sui rischi che sull'immoralità implicita di questa pratica d’uso.

 A cura di: Mauro Marin e Paolo Spriano –  Pordenone, Milano