Disfunzione erettile, uso di analgesici aumenta il rischio

Selezionta da Pietro Cazzola

Disfunzione erettileL’assunzione regolare di analgesici come gli oppiacei, è associata ad un più alto rischio di disfunzione erettile, secondo uno studio pubblicato oggi online sulla rivista Spine.
I ricercatori hanno incluso più di 11.000 uomini con il mal di schiena in uno studio ed hanno esaminato le loro cartelle cliniche per scoprire se gli uomini che assumono antidolorifici, hanno più probabilità di ricevere anche le prescrizioni per la disfunzione erettile.
Più del 19 per cento degli uomini che hanno assunto  oppioidi ad alto dosaggio per almeno quattro mesi , hanno anche ricevuto prescrizioni  per disfunzione erettile, mentre meno del 7 per cento degli uomini che non assumevano oppioidi hanno ricevuto  prescrizioni ED.
Nello studio, gli uomini sopra i 60 anni  avevano più probabilità di ricevere prescrizioni per ED, ma anche uomini che avevano  assunto oppioidi ad alto dosaggio,  avevano il 50 per cento più probabilità di ricevere prescrizioni  per la disfunzione erettile, rispetto  agli uomini che non hanno assunto farmaci antidolorifici.
“Gli uomini che assumono farmaci oppioidi per un lungo periodo di tempo hanno il più alto rischio di disfunzione erettile”, ha dichiarato l’autore principale dello studio Richard A. Deyo, ricercatore presso il Kaiser Permanente Center for Health Research della Oregon Health & Science University.
“Questo non vuol dire che questi farmaci causano disfunzione erettile , ma l’associazione è qualcosa di cui pazienti  e medici devono essere consapevoli dal momento che devono decidere se assumere gli oppioidi per il trattamento di mal di schiena,” ha aggiunto il Dott. Dey.
Un altro recente studio, pubblicato sulla rivista Pain, stima che 4,3 milioni di adulti negli Stati Uniti utilizzano questi farmaci oppioidi su base regolare. Gli oppiacei da prescrizione più comunemente usati sono idrocodone, ossicodone e la morfina.
“Non c’è dubbio che per alcuni pazienti l’uso di oppiacei è appropriato, ma c’è anche una crescente evidenza che l’uso a lungo termine di questi farmaci può portare a dipendenza, overdose fatali, apnea nel sonno, cadute negli anziani, ridotta produzione di ormoni e ora la disfunzione erettile, “conclude il Dott. Deyo, che ha trascorso più di 30 anni a studiare i trattamenti per il mal di schiena.
Nello studio, il consumo di oppiacei è stato classificato come “assente” per gli uomini che non hanno ricevuto una prescrizione di oppioidi, “acuto” per gli uomini che hanno assunto oppiacei per tre mesi o meno, “episodico” per gli uomini che hanno assunto oppioidi per più di tre mesi, ma inferiore a quattro mesi  e “a lungo termine” per gli uomini che hanno assunto oppioidi (a) per almeno quattro mesi oppure (b) per più di tre mesi. Trattamento con più di 120 mg di morfina è stato classificato come uso ad alte dosi.
Più del 19 per cento degli uomini che hanno assunto oppioidi ad alto dosaggio per almeno quattro mesi, hanno anche ricevuto farmaci per disfunzione erettile. Più del 12 per cento degli uomini che hanno assunto  oppiacei a basso dosaggio (sotto 120 mg) per almeno quattro mesi, hanno ricevuto anche farmaci per DE. Meno del 7 per cento degli uomini che non assumevano oppioidi hanno ricevuto farmaci per disfunzione erettile .
I ricercatori hanno scoperto che l’età è stato il fattore più significativo associato a ricevere prescrizioni per disfunzione erettile. Gli uomini da 60 a 69 hanno avuto 14 volte più probabilità di ricevere prescrizioni di  medicinali per ED rispetto agli uomini di 18-29 anni di età.
Depressione, altre condizioni di salute (oltre a mal di schiena) e l’uso di sedativi ipnotici, come le benzodiazepine possono anche aumentare la probabilità per gli uomini di sviluppare la disfunzione erettile.