Andrologi, spot tv su errori medici e' una vergogna

Selezionata da Pietro Cazzola

Disfunzione erettile"La campagne mediatica di denunce contro medici accusati di presunti casi di malasanità rappresentano una vera e propria vergogna che dovrebbe essere subito sospesa in quanto lede la dignità professionale, aumenta la medicina difensiva e non consente di svolgere una serena attività clinica e chirurgica". È quanto sostiene il presidente dell'Associazione andrologi italiani, Aldo Franco De Rose, urologo e andrologo della Clinica urologica di Genova.
"Molti colleghi andrologi - sottolinea De Rose - in questi ultimi giorni sono diventati addirittura timorosi anche nel prescrivere semplici prodotti contro l'impotenza; terrorizzati da queste campagne mediatiche, nella prescrizione di Cialis, Levitra o Viagra aggiungono anche la dicitura … 'previo consiglio del cardiologo', con tutti i disagi che ne possono derivare soprattutto per il paziente. Per non parlare delle persone che, anche a distanza di anni, si sono sottoposti a chirurgia peniena per patologie o per estetica. Oppure a chirurgia per infertilità. Nell'ultima settimana, a vari colleghi dell'Associazione andrologi, sono state avanzate 12 richieste di consulenza per ipotetico danno".
"Certamente - conclude De Rose - si tratta di richieste prive di ogni fondamento di colpevolezza, però queste campagne fomentano rabbia e sentimenti che istigano la popolazione a sporgere denuncia; chi sbaglia è giusto che paghi e ogni cittadino, nell'immediatezza di un intervento andato male, potrà rivolgersi alla magistratura, ma fomentare campagne d odio non giova ai medici e nemmeno ai pazienti".