Orecchie a sventola addio con la chirurgia plastica: nuove tecniche e meno dolore

Selezionata da Pietro Cazzola

OtoplasticaNuove tecniche per ottenere risultati migliori e per soffrire meno. Se ne è parlato sabato 18 maggio, a Padova durante un corso patrocinato dall’Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe), interamente dedicato all’intervento di otoplastica, per correggere le cosiddette “orecchie a sventola” e per ridurre le dimensioni dei padiglioni auricolari. Dedicato a specialisti e specializzandi in chirurgia plastica, l’evento “Le otoplastiche estetiche – Metodi a confronto”, diretto da Luca Siliprandi, ha l’obiettivo di presentare le novità di questa operazione.
La chirurgia plastica del padiglione auricolare si dedica alla correzione della forma delle orecchie che penalizzano l’aspetto dell’individuo inducendo sentimenti di grave insicurezza. Anche se rivolto alla correzione di una malformazione, l’intervento è puramente estetico.
Secondo i dati Aicpe, le otoplastiche sono poco più del 5% del totale degli interventi di chirurgia plastica estetica eseguiti in Italia nel 2012. Ad andare sotto al bisturi sono soprattutto minorenni, di cui molti di età compresa fra i 6 e gli 8 anni: «Le cosiddette “orecchie a sventola”, ossia padiglioni auricolari prominenti, possono generare imbarazzo fin dall’età scolare – spiega il dottor Luca Siliprandi -. Il fatto di essere presi in giro dai compagni, di sentirsi diversi e insicuri, è tra i motivi alla base dell’eticità dell’intervento, che può essere praticato senza problemi già alle elementari».
Gli interventi chirurgici, di solito eseguiti in anestesia locale, devono essere eseguiti con tecniche raffinate ed estrema precisione: «La forma di un padiglione auricolare dipende da una complessità di particolari anatomici – dice il chirurgo -. Molte possono essere le diverse cause di una deformità e tutte devono essere riconosciute e corrette per garantire risultati naturali e armoniosi».
Importante è rivolgersi sempre a chirurghi plastici specializzati, facilmente riconoscibili dall’appartenenza a società scientifiche di categoria, come Aicpe.
Oltre ad offrire una panoramica di aggiornamento sulle diverse metodiche correttive, la giornata patrocinata da Aicpe consentirà ai partecipanti di vedere all’opera chirurghi plastici esperti nel settore che dimostreranno, con interventi chirurgici in diretta, alcune tecniche innovative utilizzabili non solo per avvicinare i padiglioni al capo, ma anche per diminuirne contemporaneamente le dimensioni. Si parlerà di una tecnica proposta da due chirurghi plastici, uno svizzero e un americano, ma ancora poco utilizzata, per ridurre le dimensione di orecchie troppo grandi e di un "diagramma di flusso", messo a punto dal dottor Siliprandi, per guidare il chirurgo nella scelta della più appropriata strategia chirurgica per ottenere risultati naturali. Partendo dall’attenta osservazione del padiglione da correggere, la metodologia consente al chirurgo di decidere su quali parti del padiglione intervenire, in quale sequenza e con quale tecnica chirurgica.
Un’altra novità riguarda l’analgesia: è stato recentemente introdotto un anestetico locale, la chirocaina, che consente di mantenere l'assenza di dolore per 10-12 ore dopo l'intervento. Proprio questo anestetico sarà utilizzato sui pazienti operati in occasione del corso.
«L’otoplastica può risultare un po’ dolorosa per uno o due giorni dopo l’intervento - afferma Siliprandi -. Questo nuovo anestetico attenua il fastidio nel postoperatorio».