Avotermin non riduce le cicatrici post-operatorie

Selezionata da Pietro Cazzola

CicatriceSono negativi i risultati di uno studio di fase III, denominato REVISE, condotti su avotermin nella cicatrizzazione delle ferite.
Nello studio il farmaco non ha raggiunto gli endpoint primari e secondari di riduzione delle cicatrici post-operatorie.
Lo ha reso noto Renovo Group, la società biofarmaceutica impegnata nello sviluppo del farmaco, le cui azioni sono scese del 72%.
Lo studio REVISE è stato disegnato per valutare l’efficacia di due dosi del farmaco (200 ng e 500 ng/100μl/cm lineari sul margine della ferita), somministrate dopo la chiusura della ferita e 24 ore dopo, rispetto al placebo.
Il trial ha arruolato 350 pazienti provenienti da 56 centri in Gran Bretagna, Francia, Ungheria, Germania, Italia, Polonia, Spagna, Danimarca, Lettonia e Stati Uniti.
L’endpoint primario di efficacia era una valutazione basata su immagini fotografiche della ferita a 12 mesi utilizzando un’apposita scala di confronto. Gli endpoint secondari comprendevano una valutazione delle cicatrici da parte degli stessi pazienti. Nessuno degli endpoint dello studio è stato raggiunto dal farmaco.
Renovo condurrà ulteriori analisi per decidere sul futuro sviluppo clinico del farmaco.
Il principio attivo del farmaco è la proteina TGF-beta (growth factor beta 3), una sostanza che ha proprietà cicatrizzanti. Lo scopritore del farmaco, il Professor Mark Ferguson, esperto della University of Manchester, è anche co-fondatore e amministratore delegato della Renovo.
Quest’ultima aveva siglato un accordo con Shire, la quale adesso dovrà decidere se proseguire con gli studi oppure lasciar perdere.