AHA: Chi fa uso di cocaina presenta un flusso ematico anomalo e rischio di cardiopatie

Selezionata da Pietro Cazzola

CocainaChi fa uso di cocaina e lamenta dolore toracico potrebbe avere un flusso ematico anomalo nei vasi sanguigni cardiaci più piccoli che potrebbe non essere rilevato con gli esami comuni, mettendo questi pazienti a rischio di complicanze cardiache o decesso, secondo una ricerca presentata in occasione delle sessioni scientifiche dell’AHA, tenutesi nel mese di novembre a Chicago.
Lo studio ha confrontato esami di imaging cardiaco di 202 consumatori di cocaina con 210 non consumatori di cocaina selezionati casualmente. Tutti si erano sottoposti ad angiografia coronarica presso il Mount Sinai Hospital di Chicago tra il 2005 e il 2013. Lo studio ha dimostrato che tra i consumatori di cocaina, durante l’angiogramma il mezzo di contrasto non riusciva a essere eliminato immediatamente dal microcircolo e dai vasi sanguigni iperdilatati, provocando un flusso ematico più rapido. 
I risultati suggeriscono che, anche laddove non vi è alcun segno di coronaropatia tra chi fa uso di cocaina, costoro presentano un danno ai vasi sanguigni che potrebbe causare sintomi come dolore toracico e affanno. Le anomalie nel flusso ematico erano significative in confronto ai soggetti che non facevano uso di cocaina affetti da diabete, ipertensione e con anamnesi familiare di coronaropatia.