In due casi su tre chi ha sangue occulto positivo non esegue colonscopia

Selezionata da Pietro Cazzola

IntestinoIl successo di un intervento per aumentare l'aderenza allo screening annuale per la ricerca di sangue occulto nelle feci (FOBT) nelle classi meno abbienti aumenta la speranza di future riduzioni delle disparità sociali nella mortalità per cancro del colon-retto (Crc), ma si scontra con il fatto che a eseguire la successiva colonscopia diagnostica offerta gratuitamente è stato meno di un terzo dei pazienti con risultato positivo all’esame. Sono queste le conclusioni di uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine e coordinato da David Baker della Feinberg School of Medicine alla Northwestern University, Chicago. «La maggioranza dello screening per il cancro colorettale negli Stati Uniti si basa sulla colonscopia, anche se il la ricerca di sangue occulto nelle feci può raggiungere analoghe riduzioni di mortalità» puntualizza il ricercatore, ricordando che i tassi di screening sono più bassi nelle classi sociali più svantaggiate in termini di reddito, istruzione e copertura assicurativa.
Per migliorare l’aderenza, gli autori hanno esaminato l'efficacia di un intervento che prevedeva la spedizione di un kit FOBT a domicilio con messaggini di promemoria automatici. Se il FOBT non veniva eseguito entro tre mesi, i pazienti ricevevano una chiamata personale di sollecito. Allo studio hanno preso parte 450 pazienti divisi in due gruppi: 225 avviati alle cure consuete e 225 all'intervento oggetto di studio. I risultati dimostrano che quest’ultimo gruppo aveva l’82% di probabilità di completare il test rispetto al 37% dei controlli, con un costo stimato dell'intervento di 34,59 dollari a paziente. «Peccato che solo il 59% dei pazienti con FOBT positivo si è successivamente sottoposto a una colonscopia diagnostica gratuita, compreso l’accesso ai mezzi di trasporto» conclude Baker. E Gloria Coronado del Kaiser Permanente Center for Health Research Northwest di Portland in Oregon, scrive in un editoriale: «La colonscopia è fondamentale, dato che fino al 4% degli individui con FOBT positivo potrebbe avere un cancro del colon-retto, e quasi un terzo adenomi precancerosi. Detto questo, la mancanza di un follow-up colonscopico invalida lo scopo di un programma basato sullo screening mediante FOBT. Gli autori non descrivono i motivi della bassa aderenza, ma per molte persone negli Stati Uniti, gli ostacoli a eseguire una colonscopia, inclusi i costi e la disponibilità limitata, sono notevoli».

JAMA Intern Med. Published online June 16, 2014