L’obesità è responsabile di 500.000 casi di cancro nel mondo

Selezionata da Pietro Cazzola

ObesitàIl sovrappeso negli adulti causa circa 481.000 nuovi casi di cancro l'anno, cioè il 3,6% della casistica mondiale, secondo le stime pubblicate su The Lancet Oncology. Dice Melina Arnolddell’International agency for research on cancer (Iarc): «Usando i dati di incidenza e mortalità per cancro in 184 paesi, abbiamo stimato le neoplasie da eccesso ponderale nelle diverse zone del mondo nel 2012, e la quota attribuibile a un indice di massa corporea in crescita dal 1982». E i dati raccolti rivelano che negli uomini l'eccesso di peso è responsabile dell’1,9% dei tumori registrati nel 2012, cioè 136.000 nuovi casi mentre il tasso femminile è del 5,4%, 345.000 nuovi casi. Aggiunge la ricercatrice: «Le neoplasie mammarie in post-menopausa, quelle dell'endometrio, e i tumori del colon sono responsabili di quasi tre quarti dei tumori legati all'obesità nelle donne, quasi 250.000 casi, mentre negli uomini oltre due terzi, ovvero quasi 90.000 casi, sono a carico del colon e del rene». Tra le zone più colpite c’è il Nord America con 111.000 casi, il 23% a livello mondiale. Al secondo posto viene invece l’Europa, e in particolare l’Europa orientale che dà conto di oltre un terzo del totale dei casi europei. Negli uomini l’incidenza è particolarmente alta nella Repubblica Ceca, ma anche in Giordania, in Argentina, nel Regno Unito e a Malta. Nelle donne invece, la casistica incidente è sorprendentemente elevata nelle isole Barbados, seguite dalla Repubblica Ceca e da Puerto Rico. Fanalino di coda in entrambi i sessi è l’Africa sub-sahariana con meno del 2% dei casi negli uomini e sotto il 4% nelle donne. Conclude Arnold: «I nostri risultati motivano ulteriormente lo sforzo globale per affrontare l'obesità, la cui prevalenza negli adulti è raddoppiata dal 1980». Ma in un editoriale di commento Benjamin Cairns dell'università di Oxford, Regno Unito, chiarisce: «La popolazione mondiale è grande, mentre non lo sono allo stesso modo le risorse sanitarie globali per la prevenzione dei tumori, che dovrebbero essere in gran parte dedicate alla lotta alle infezioni e al fumo, associate a casistiche di cancro molto maggiori».

The Lancet Oncology, 2014. doi:10.1016/S1470-2045(14)71123-4 
The Lancet Oncology, 2014. doi:10.1016/S1470-2045(14)70373-0