Stetoscopio in via di estinzione

Selezionata da Pietro Cazzola

stetoscopioIl medico con lo stetoscopio al collo sarà un’icona del passato? Sembrerebbe di sì, a giudicare da quanto afferma sul New England Journal of Medicine un editoriale della rubrica “Perspective” scritto da Scott Solomon Fidencio Saldana, ricercatori della Harvard medical school di Boston, Massachusetts. «La prossima generazione di medici sarà addestrata a vedere l’ecografo portatile come un'estensione dei sensi, proprio come le generazioni precedenti hanno visto lo stetoscopio» esordisce Solomon, dipingendo un futuro non molto lontano in cui i dispositivi a ultrasuoni portatili sostituiranno lo stetoscopio. Gli ecografi tascabili, noti anche come Hhus, ovvero Hand-held ultrasound, sono simili agli smartphone, e possono diagnosticare i disturbi a carico di cuore, polmone e altri organi in modo molto più accurato degli stetoscopi tradizionali, secondo gli autori dell’editoriale. E i prezzi sono in discesa: il costo di un Hhus di qualità ragionevole varia attualmente da 8.000 a 10.000 dollari, e scenderà a circa 2.000 nel prossimo decennio. «Con i dispositivi a ultrasuoni si può guardare, e non più solo ascoltare, tutti gli organi. E la possibilità di avere una visuale diretta all’interno del corpo e non solo un reperto auscultatorio può evitare diagnosi sbagliate, aiutando i medici a porre un corretto sospetto diagnostico e a impostare gli esami successivi» spiegano i cardiologi, ricordando che la parola stetoscopio è stato finora un termine improprio. Inventato in Francia nel 1816 da René Laennec, venne poi perfezionato fino a quando nel 1960 David Littmann, della Harvard medical school, mise a punto un modello più leggero con un'acustica migliorata. «Il nome deriva dal greco stéthos, petto, e skopé, osservazione: ma usandolo non si vede nulla, si ascolta solamente» riprende Solomon, rilevando che il vero stetoscopio arriva adesso, ed è l’ecografo portatile, inventato nel 1950 e all’epoca grande come un frigorifero. Ma ora, con la microminiaturizzazione combinata all’informatica e alla tecnologia digitale, i dispositivi a ultrasuoni sono sempre più piccoli e potenti, pronti a diventare lo stetoscopio del ventunesimo secolo.

N Engl J Med. 2014 Mar 20;370(12):1083-5