Tumore al colon: in arrivo un esame genetico per la diagnosi precoce

Selezionata da Pietro Cazzola

ColonPer diagnosticare precocemente un cancro al colon, quando ancora si trova alle sue prime fasi di sviluppo, potrebbe essere utile un innovativo test genetico messo a punto dai ricercatori dell'Università tedesca di Potsdam.
Gli scienziati hanno utilizzato alcune sofisticate tecniche di biologia molecolare per ottenere un test capace di diagnosticare precocemente il cancro al colon retto con un’analisi delle feci. Al centro degli studi dei ricercatori tedeschi ci sono due mutazioni genetiche, al gene Apc e al gene Kras, collegate del 60% e del 40% ai casi di tumore al colon.
Bettina Scholtka, principale autrice dello studio, ha spiegato che le cellule precancerose, portatrici di queste due mutazioni genetiche, sono presenti nelle feci quando il cancro è allo stadio iniziale ma possono essere identificate nel sangue solo quando il cancro è ad uno stadio avanzato.
Ciò dimostra che analizzare i campioni di feci con il test genetico (cinquemila volte più sensibile rispetto alle tecniche attualmente utilizzate, come la colonscopia) potrebbe aumentare significativamente le probabilità di una diagnosi precoce.