Industria: 90 candeline per Novo Nordisk

Milano, 13 marzo 2013  – L’azienda farmaceutica danese Novo Nordisk compie 90 anni. Nata nei primi mesi del 1923, come laboratorio per la produzione industriale di insulina, la società si è concentrata sulla ricerca farmacologica in diabetologia, diventando nel tempo il leader mondiale del settore. Oggi, Novo Nordisk fornisce farmaci per curare il diabete a oltre 23 milioni di persone nel mondo e produce la metà dell’insulina mondiale.

Con quartier generale a Copenhagen, in Danimarca, e 7 stabilimenti di produzione nel mondo, Novo Nordisk impiega circa 35.000 persone in 75 paesi e distribuisce i propri farmaci in 180. Il fatturato 2012 è stato di 78 miliardi di corone danesi, circa 10,5 miliardi di euro. Novo Nordisk investe ogni anno mediamente il 14% del fatturato in ricerca e sviluppo.
In Italia, l’azienda è sbarcata nel 1980. Tra attività commerciali e di ricerca, oggi impiega 300 dipendenti con un fatturato di oltre 213 milioni di euro (fatturato 2011).

Il pionerismo di Novo Nordisk
Era il 1922: nel corso di una visita negli Stati Uniti il danese August Krogh, Premio Nobel 1920 per la fisiologia e la medicina, e sua moglie Marie, un medico con diabete, vennero a conoscenza della scoperta dell’insulina avvenuta in Canada ad opera di John Macleod, Frederick Banting e Charles Best. I coniugi Krogh vollero incontrare Macleod e ottennero da lui il permesso di iniziare la produzione dell’insulina in Scandinavia.
In pochi mesi, tra la fine del 1922 e la primavera del 1923, la produzione era felicemente avviata e le prime persone con diabete furono curate all’ospedale di Copenhagen. Nasceva Novo Nordisk.

Da questa iniziativa pioneristica ne derivarono molte altre nella cura del diabete: a partire dalla prima insulina umana (1982), passando per NovoPen®, la prima penna per insulina, simile a una stilografica a cartucce (1985). Successivamente arrivarono le insuline moderne – gli analoghi dell’ormone – e gli antidiabetici orali, che vedono l’azienda danese leader nella classe dei GLP-1 (Glucagon-like Peptides-1) per la cura del diabete di tipo 2.

Parallelamente, Novo Nordisk ha messo a frutto le sue conoscenze e l’esperienza per sviluppare altri prodotti biofarmaceutici per la cura dell’emofilia (fattore VII ricombinante), dei disturbi della crescita (ormone della crescita da DNA ricombinante), per la terapia ormonale sostitutiva.

Il principale azionista di Novo Nordisk è la danese Novo Nordisk Foundation, che oltre a costituire la base finanziaria delle attività dell’azienda sostiene la ricerca scientifica e numerose iniziative umanitarie. Nel 2002, Novo Nordisk ha permesso la fondazione della World Diabetes Foundation, un’agenzia internazionale che finanzia attività dedicate alla prevenzione e alla cura del diabete nei paesi in via di sviluppo. Analogamente, nel 2005, ha visto la luce Novo Nordisk Haemophilia Foundation, che si propone di favorire l’accesso alle cure per l’emofilia e i disturbi della coagulazione.

Per ulteriori informazioni, visitate novonordisk.com.