Allergie in anticipo: riniti, congiuntivite e asma per milioni di italiani

Selezionata da Pietro Cazzola

Rinite allergicaAvete il naso chiuso, congiuntivite, rinite incontrollata, disturbi respiratori? Prima di pensare di essere stati colpiti dall’ennesimo raffreddore in un colpo di coda invernale, gli esperti vi suggeriscono di chiedervi se non siete, invece, in piena crisi allergia anticipata, un fenomeno in crescita negli ultimi anni.
Gli esperti esortano gli allergici (circa due milioni di italiani) a muoversi sin da ora per prevenire le crisi allergiche. Ma quali sono le piante maggiormente allergizzanti in questo periodo? La prevalenza sembra essere ad appannaggio delle allergie da "cupressacae", che sta già provocando crisi allergiche in moltissimi italiani.
E non va sottovalutata nemmeno l’allergia al cipresso, pollinosi emergente a seguito della crescente diffusione di questa pianta nelle aree urbane del Mediterraneo. Ma resta salda al primo posto l’allergia alla parietaria che rappresenta il 40% delle allergie; e ancora, graminacee, faggi, ulivo e querce.
Roberto Perricone, direttore della Scuola di Specializzazione di Allergologia e Immunologia dell'Università di Tor Vergata, ricorda quanto sia importante rivolgersi allo specialista se si sospetta di soffrire di un’allergia, per ricevere una diagnosi corretta e una adeguata terapia. E per chi già sa di essere allergico la terapia sintomatica consiste generalmente in antistaminici associati a spray cortisonici nasali o bronchiali.