Vicini al picco influenza, 367 mila italiani a letto nell'ultima settimana

Selezionata da Pietro Cazzola

InfluenzaL'influenza continua la sua corsa al rialzo e l'Italia si avvicina sempre di più al picco di casi. Nell'ultima settimana si stima che in 367 mila siano finiti a letto con una sindrome influenzale nella Penisola (contro i 323 mila della settimana precedente). Il livello di incidenza totale registrato nel Paese è di 6,18 casi per mille assistiti. E' questo il quadro che emerge dall'ultimo bollettino diramato dalla rete Influnet, sulla base dei dati comunicati nella quinta settimana di sorveglianza del 2014 da 782 medici sentinella.
Il livello di incidenza raggiunto finora - si precisa nel rapporto che si basa sui numeri elaborati dal Centro Nazionale di Epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute dell'Istituto Superiore di Sanità - resta comunque inferiore a quello osservato nella maggior parte delle precedenti stagioni influenzali e in totale i casi registrati in Italia dall'inizio della sorveglianza sono arrivati a quota 2,1 milioni. I virus stanno intensificando l'attività in tutte le regioni, ma le più colpite risultano le Marche (con un'incidenza di 20,95 casi per mille assistiti), seguite da Molise (10,96) e Val D'Aosta (10,22).
In alcune regioni l'aumento dell'incidenza totale è alimentato soprattutto dal crescente numero di casi osservato fra i bambini. A livello nazionale la fascia d'età da 0 a 4 anni è la più 'bastonata' dalle sindromi influenzali, con un'incidenza che ha raggiunto nell'ultima settimana i 18,97 casi per mille assistiti. Seguono i bambini e ragazzi della fascia 5-14 anni (10,49), mentre gli over 65 si confermano i meno colpiti con un'incidenza ferma a 1,92 casi per mille assistiti.