Pomodori in menopausa 'scudo' anti-cancro al seno

Selezionata da Pietro Cazzola

PomodoriUn'alimentazione ricca di pomodori può aiutare a proteggere le donne entrate in menopausa dal rischio di sviluppare un cancro al seno. A stabilirlo è una ricerca pubblicata su 'Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism' firmata da un team di scienziati della Rutgers University. Il rischio di sviluppare un carcinoma alla mammella aumenta nelle donne quando entrano in menopausa ed è legato anche all'incremento dell'indice di massa corporeo. Secondo lo studio, le sostanze contenute nei pomodori hanno un effetto positivo sul livello degli ormoni che svolgono un ruolo proprio nella regolazione del matabolismo di grassi e zuccheri. Fattori che in questa fase della vita delle donna subiscono degli squilibri.
"Il vantaggio di mangiare molti pomodori o prodotti a base di questo vegetale, anche per un breve periodo, è quello di favorire la prevenzione del cancro al seno - avverte Adana Llanos, autrice della ricerca - questi vegetali, infatti, sono ricchi di vitamine, minerali e sostanze antiossidanti come il licopene, che ha un ruolo importante come scudo anti cancro". Le pazienti con carcinoma mammario in sovrappeso o affette da obesità hanno una prognosi peggiore rispetto a quelle normopeso. Altri studi hanno stabilito che questo potrebbe essere dovuto all'iperinsulinemia e ad alterazione dei livelli dell'ormone metabolico adiponectina associati a sovrappeso e obesità.
Lo studio ha esaminato gli effetti nella prevenzione oncologica di due diete su 70 donne entrate in menopausa. Una a base di soia e una ricca di pomodoro. Per 10 settimane un gruppo di donne ha mangiato l'ortaggio in una quantità di almeno 25 milligrammi di licopene al giorno. L'altro gruppo ha consumato ogni giorno 40 grammi di proteine a base di soia. "Le donne che hanno seguito la dieta ricca di pomodoro - osservano gli scienziati - hanno fatto registrare un aumento del 9% dei livelli di adiponectina". Dunque, il pomodoro ha un maggiore impatto beneficio sui livelli ormonali e "aiuta anche a mantenere un peso nella norma", concludono i ricercatori.