Aggiornate le linee guida Usa per le infezioni cutanee e dei tessuti molli

Selezionata da Pietro Cazzola
Infezioni cutaneeDieci esperti statunitensi, convocati nel 2009 dall’Infectious diseases society of America, hanno prodotto l’aggiornamento 2014 delle linee guida del 2005 sul trattamento delle infezioni cutanee e dei tessuti molli, pubblicato sulla rivista Clinical infectious disease. «I focus di queste linee guida sono la diagnosi e il trattamento appropriato di diverse infezioni cutanee e dei tessuti molli, spaziando dalle infezioni superficiali minori alle infezioni pericolose per la vita come le fasciti necrotizzanti» spiega Dennis Stevens della Division of infectious diseases, department of veterans affairs, Boise in Idaho e primo firmatario del lavoro. «Inoltre, dato il numero sempre maggiore nel mondo di ospiti immunocompromessi, le linee guida sono indirizzate alla vasta gamma di infezioni cutanee e dei tessuti molli che si verificano in questa popolazione» precisa l’autore. Il gruppo multidisciplinare era composto da dieci esperti nella gestione di tali infezioni in bambini e adulti, e nella composizione si è cercato di rappresentare le diverse aree geografiche, avere medici pediatrici e dell’adulto e coprire un ampio spettro di specialità. Il documento risponde a 24 interrogativi clinici su diverse possibili infezioni cutanee e dei tessuti molli e presenta due algoritmi per semplificare la gestione di infezioni stafilococciche e l’approccio a pazienti con infezioni in sedi chirurgiche. Gli esperti sottolineano come le raccomandazioni assumano una nuova importanza a fronte di un aumento drammatico, sia come frequenza sia come gravità, di queste infezioni e nello stesso tempo un aumento delle resistenze a molti dei farmaci comunemente utilizzati nel passato per trattarle. «Queste infezioni hanno diverse eziologie che dipendono, in parte, da differenti aspetti epidemiologici» ricorda Stevens. Importante quindi la storia del paziente, così come l’esame clinico e i successivi ulteriori esami e manovre strumentali. «Queste linee guida enfatizzano l’importanza delle competenze cliniche nella pronta diagnosi di infezioni cutanee e dei tessuti molli, identificando i patogeni e somministrando il trattamento efficace in modo tempestivo» conclude il ricercatore. 

Clin Infect Dis. 2014 Jul 15; 59(2):147-59. doi: 10.1093/cid/ciu444