Prodotti OTC topici per l'acne, FDA segnala rischio di ipersensibilità

Selezionata da Pietro Cazzola

AcneL'agenzia americana FDA ha avvertito medici e consumatori che alcuni prodotti da banco per il trattamento dell'acne possono causare reazioni che, pur essendo rare, potrebbero talvolta svilupparsi in forme talmente gravi da mettere a rischio la vita dei pazienti. I prodotti in vendita come gel, lozioni, detergenti per il viso, soluzioni o altro, contengono perossido di benzoile o acido salicilico. Non è tuttavia chiaro se le reazioni di ipersensibilità siano state scatenate dagli ingredienti attivi, dagli eccipienti o da una loro combinazione. La Food and Drug Administration ha affermato di aver ricevuto, negli ultimi quarant'anni, 131 report di utilizzatori e produttori in merito alle reazioni avverse; per circa il 42% si sono manifestate nelle prime 24 ore e, sebbene non siano stati riportati decessi, nel 44% dei casi è stato necessario un ricovero in ospedale.
L'Agenzia ha raccomandato ai medici di avvertire i consumatori affinché interrompano immediatamente l'utilizzo di questi prodotti qualora avvertissero reazioni di ipersensibilità come chiusura della gola, difficoltà di respirazione, sensazione di svenimento o gonfiore a occhi, viso, labbra e lingua. L'impiego dovrebbe essere interrotto anche in caso di orticaria o prurito.
Inoltre, i medici dovrebbero consigliare i pazienti che utilizzano per la prima volta prodotti Otc topici per la cura dell'acne di applicarne inizialmente solo una piccola quantità, in aree ridotte, per almeno tre giorni per assicurarsi che non si sviluppino sintomi dovuti a ipersensibilità. Secondo la FDA, che assicura di continuare in futuro un attento monitoraggio in proposito, le medesime raccomandazioni dovrebbero essere fornite dai produttori ai propri clienti.

Renato Torlaschi