Protezione solare: i medici informano troppo poco

Selezionata da Pietro Cazzola

Protezione solareNonostante gli inviti pressanti a informare i pazienti sui benefici della protezione dal sole, la quota di medici che se ne preoccupano resta bassa, anche quando i loro assistiti hanno una storia di cancro della pelle. Queste, almeno, sono le conclusioni di uno studio svolto all’Università Wake Forest, nel North Carolina, pubblicato su Jama Dermatology.
«L'incidenza del cancro della pelle è in aumento, e la causa principale è la radiazione ultravioletta (Uv), responsabile fino al 90% dei casi di cancro della pelle, e riconosciuto fattore di rischio modificabile per i melanomi» spiega Kristie Akamine , dermatologa della Wake Forest e primo autore dell’articolo. I medici svolgono un ruolo importante nella prevenzione del cancro consigliando i pazienti, per esempio, sui corretti stili di vita o su come smettere di fumare, ma l’argomento protezione solare e melanoma resta di fatto una cenerentola dell’educazione sanitaria. «Anche se i medici vengono spesso incoraggiati a consigliare ai pazienti, specie quelli a rischio di cancro cutaneo, l’uso di creme solari, non esistono studi su quanto spesso i dottori statunitensi raccomandano la protezione UV» riprende la dermatologa, che assieme ai colleghi dei Dipartimenti di dermatologia e di salute pubblica della Wake ha provato a quantificare il fenomeno. Per lo studio i ricercatori hanno utilizzato il National Ambulatory Medical Care Survey, un sondaggio condotto dal National Center for Health Statistics che raccoglie i dati descrittivi sulle visite ambulatoriali che si svolgono negli studi medici statunitensi. «I dati sono stati raccolti tra gennaio 1989 e dicembre 2010, periodo durante il quale è stato raccomandato ai medici di svolgere educazione sanitaria sulla protezione solare» dice la ricercatrice.
E i risultati? I medici hanno menzionato le creme solari solo nello 0,07% delle visite totali e, ciò che è peggio, in un misero 0,9% delle visite fatte a pazienti con diagnosi di malattia della pelle. «L'elevata incidenza e morbilità del cancro della pelle possono essere notevolmente ridotte dalla protezione solare, che dovrebbe essere consigliata nelle visite ambulatoriali specie a bambini e adolescenti, che tendono a giocare e a trascorrere gran parte del loro tempo all'aperto» conclude Akamine.

Jama Dermatol. Published online September 4, 2013.