Previeni e cura l’onicomicosi con 5 semplici regole!

Selezionata da Pietro Cazzola

OnicomicosiL’onicomicosi è la micosi delle unghie e può presentarsi sia a quelle delle mani, che più frequentemente a quelle dei piedi.L’onicomicosi si presenta quando una o più unghie viene infettata da un fungo, normalmente del gruppo dei dermatofiti, e si manifesta sotto forma di una macchia bianca o giallastra che appare sotto la punta delle unghie stesse.
Se il fungo che ha attaccato le unghie riesce a diffondersi in profondità può farle diventare più spesse, fino a farle sbriciolare, causando oltre che dolore, anche un aspetto estetico brutto a vedersi.
Le micosi alle unghie possono essere causa di altre infezioni dell’organismo in soggetti con sistema immunitario particolarmente debole a causa dell’uso continuo di farmaci o del diabete.
La maggiore frequenza di onicomicosi alle unghie dei piedi è causata dalla maggiore possibilità di proliferazione di funghi in un ambiente caldo e umido come è quello delle scarpe nelle quali sono racchiusi i piedi.
L’onicomicosi si presenta più frequentemente tra gli anziani, a causa di una più lenta circolazione del sangue e per il fatto di essere stati nel corso della vita esposti per molto più tempo alla possibile contaminazione da parte del fungo.

PREVENIRE L’ONICOMICOSI
Visto che, come per tutte le altre malattie, prevenire è meglio che curare, per evitare di incappare in una onicomicosi ecco 5 validi suggerimenti, facili da seguire nella vita di tutti i giorni:

  • tenere le unghie delle mani e dei piedi corte e pulite, tagliarle con una forma squadrata evitando di strappare la pelle all’intorno di esse, e se presentano zone ispessite, limarle con l’apposita limetta per unghie.
  • asciugare bene sia le dita che gli spazi tra loro ogni volta che vi lavate le mani o fate la doccia.
  • cambiare spesso le calze, specialmente in presenza di notevole sudorazione e cercare di alternare l’uso di scarpe chiuse con scarpe aperte.
  • molto importante è inoltre evitare di camminare scalzi in luoghi pubblici, con particolare attenzione alle piscine ed agli spogliatoi.
  • dopo aver curato un’unghia infetta lavare accuratamente le mani.

 

CURARE L’ONICOMICOSI
Pur essendo una malattia ricorrente ed in alcuni casi difficile da curare, lo sviluppo della medicina oggi offre molti farmaci che contribuiscono alla sua eliminazione come creme antimicotiche ed appositi unguenti, od antimicotici per uso orale come terbinafina e itraconazolo.
Normalmente la cura richiede circa 4 mesi di uso dei farmaci; un’alternativa efficace è rappresentata dalla terapia fotodinamica, che utilizza un raggio laser sull’unghia infettata e trattata con un acido.
L’intervento chirurgico per eliminare la onicomicosi attraverso la rimozione dell’unghia si effettuata solo in casi gravi o estremamente dolorosi. Questo permetterà comunque la ricrescita dell’unghia in un tempo di circa 12 mesi.