Dermatologia: macchie della pelle post-vacanze? Si possono “cancellare”

Maria D’Acquino

 

Spenta, opaca e con qualche antiestetica macchia scura sul viso, la pelle porta i segni di giornate passate sotto al sole, o semplicemente di una maggiore esposizione alla luce del sole durante le vacanze. “Le macchie cutanee - afferma Mariuccia Bucci, dermatologa e Vicepresidente ISPLAD - colpiscono moltissime donne e uomini, di qualunque età, fototipo e razza. Si calcola che il problema riguardi il 90% della popolazione dai 50 anni in su. Pur essendo di per sé innocue, le macchie, ci comunicano che la pelle ha subito un danno. Il problema delle macchie scure, definito anche iperpigmentazione, infatti, consiste in un’alterazione del colore naturale della pelle causato da un’eccessiva produzione di melanina dovuta, oltre che all’esposizione ai raggi del sole, anche ad altri fattori come età, sbalzi ormonali, gravidanza, assunzione di medicinali fotosensibilizzanti, presenza di cicatrici, e altre cause ancora. Responsabili della produzione della melanina, sono alcune cellule della pelle, i melanociti, che sono stimolati dai raggi UV a produrre una maggiore quantità di questi pigmenti; la melanina infatti ha proprio la funzione di proteggere la pelle dalle aggressioni. Una volta prodotta, la melanina viene trasportata nei vari strati di cui è composta la pelle, fino ad arrivare allo strato superficiale, donando così un bel colorito bruno. Se però la melanina è prodotta in quantità eccessiva la distribuzione non avviene in maniera uniforme sulla superficie della pelle ma si accumula in alcuni punti, formando le antiestetiche macchie”, conclude la dermatologa.
Le macchie scure si possono contrastare con prodotti dermocosmetici specifici che permettono alla pelle di riacquistare un colorito uniforme e una maggiore luminosità.
Il prodotto schiarente ideale dovrebbe agire sui principali meccanismi all'origine della “colorazione” della pelle: ridurre e correggere le macchie, ma anche prevenirle; inoltre deve essere ben tollerato, anche dalle pelli più delicate. Il complesso brevettato WO®, messo a punto dai laboratori Bioderma, risponde a queste esigenze.
Il brevetto WO® è una combinazione unica di ingredienti attivi che agiscono sui meccanismi all'origine della melanogenesi, e quindi su tutte le fasi della pigmentazione cutanea garantendo un’ottima tollerabilità: limita la stimolazione dei melanociti, prevenendo la formazione di nuove macchie grazie all’andrografolide, estratto dalle foglie di una pianta asiatica, e alla melanostatina; glabridinia, estratto di liquirizia, e l’azelatato di lisina inibiscono la sintesi della melanina; la vitamina PP agisce sulla distribuzione della melanina sugli strati superficiali della pelle, mentre la vitamina C rilasciata in maniera graduale e l’acido glicolico, dall’azione esfoliante, permette di correggere le pigmentazioni pre-esistenti.

Ufficio stampa:
HealthCom Consulting
Maria D’Acquino,            tel. 02 87399173-174│mob. 346 643 5192│maria.dacquino@hcc-milano.com
Laura Fezzigna,             tel. 02 87399173-174│mob. 347 422 6427│laura.fezzigna@hcc-milano.com