Antibiotici contro l’acne? Bettoli (ADOI): utili se usati in modo corretto

Selezionata da Pietro Cazzola

acne«I dermatologi italiani hanno da sempre utilizzato gli antibiotici nell’acne per tempi brevi. Ne consegue che, nel nostro Paese, la resistenza sviluppata dal Propionibacterium acnes alle tetracicline non è significativa e la resistenza alla clindamicina (prescritta frequentemente anche dai medici di medicina generale) è più bassa rispetto alla media europea». Vincenzo Bettoli, coordinatore del gruppo di studio "Acne e patologie correlate" dell'Adoi (associazione dei dermatologi ospedalieri italiani), smorza così le preoccupazioni sollevate al recente congresso della British Association of Dermatologists: a Glasgow, infatti, il dermatologo inglese Keith Freeman aveva dichiarato che gli antibiotici, oltre a indurre fenomeni di resistenza, non hanno provato di essere efficaci contro l’acne e dovrebbero essere progressivamente abbandonati.
Ma «gli antibiotici sia per applicazione topica (clindamicina), che per uso orale (tetracicline), sono utilizzati da tempo nell’acne con notevoli successi clinici. - afferma Bettoli - In qualche caso, l’utilizzo per tempi eccessivamente prolungati di tali antibiotici, oltre i tre mesi, soprattutto in Inghilterra, Paesi scandinavi e Stati Uniti, ha indotto lo sviluppo di resistenza agli antibiotici stessi da parte di alcuni ceppi di P. acnes. Ma Freeman, quando accenna allo sviluppo di batteri resistenti, deve precisare a quali si riferisce per evitare generalizzazioni fonti di allarmismi ingiustificati, vista la delicatezza dell’argomento».
L’esperto Adoi ricorda poi che le linee guida europee sulla terapia dell’acne alla stesura delle quali ha partecipato attivamente quale membro del board, non negano l’utilizzo degli antibiotici nell’acne ma solo lo regolamentano.
«Proprio per definire la posizione di noi dermatologi italiani sull'argomento – conclude Bettoli - ho deciso di organizzare una consensus conference che riunirà dermatologi interessati all'acne e rappresentanze delle varie società dermatologiche italiane, in occasione del "12° Meeting di aggiornamento su Acne e dermatosi correlate" che organizzo annualmente a Ferrara».