Selfie e vampirismo, le nuove mode ed ossessioni degli adolescenti italiani

Selezionata da Pietro Cazzola

VampirismoLe nuove manie dei teenager italiani si chiamano selfie e vampirismo. A fotografare l’inquietante fenomeno sono stati i pediatri intervenuti recentemente ad un corso di aggiornamento sull’adolescenza.
Come hanno spiegato Teresa de Toni, dell'Università di Genova, e Federico Bianchi di Castelbianco direttore dell'Istituto di Ortofonologia (IdO), nonché psicoterapeuta dell'età evolutiva, i teenager di oggi sono sempre più attratti dalle nuove mode, non proprio edificanti, come la selfite e il vampirismo. Forme maniacali che possono spingere a comportamenti sempre più estremi, come ad esempio bere sangue umano.
Ma andiamo con ordine. I selfie sono ormai saliti agli onori delle cronache e dei media come nuovo fenomeno social: il vecchio e tradizionale autoscatto ha assunto forme sempre più sofisticate, grazie anche alla possibilità di ritoccare le immagini sullo smartphone e di condividerle sui social network.
Ma questa autocelebrazione può diventare ossessiva per gli adolescenti al punto che il termine selfite, cioè una patologia provocata al mancato riconoscimento del proprio corpo, è stata anche inserita nel dizionario di Oxford. I ragazzi maniaci del selfie possono arrivare a scattarsi foto anche per dieci ore al giorno prima di ottenere la foto che ritengono essere più adatta.
La vampirite è un altro fenomeno dilagante nella popolazione di adolescenti che preoccupa gli esperti. Si tratta di un rito segreto che vede l’esistenza di una categoria di adolescenti che dona il sangue e un’altra che lo beve. Le conseguenze per la salute possono essere molto pericolose, perché bere sangue umano può comportare parecchi rischi.
Come affrontare la situazione? Gli esperti concordano: molti di questi processi sono legati semplicemente alle mode del momento e a fenomeni imitativi che possono essere prevenuti o affrontati con una maggiore informazione presso i teenager.