La Francia dichiara guerra alle "Energy drink": "Non bevetele per fare sport. Mai insieme all'alcol"

Selezionata da Pietro Cazzola

BevandeBevande energetiche? Occhio alla caffeina. E infatti all’appellativo bevande energetiche, l’Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare francese preferisce il nome di "bevande eccitanti", ovvero bevande analcoliche che sono arricchite con sostanze (caffeina, ginseng, taurina, D-glucuronolattone ...). Minimo comune denominatore: prorprio il loro ingente contenuto di caffeina. Secondo l'Agenzia una lattina standard (250 ml) vale come due caffè (50 ml) o due lattine di cola soda. Arrivate sul mercato francese nel 2008, come riporta un articolo apparso sul quotidiano Le Monde queste bevande, di cui circa 40 milioni di litri vengono consumati ogni anno, sono state esaminate dall'agenzia salute, che si era opposta alla loro immissione sul mercato.
Dal giugno 2012, sono stati segnalati una trentina di casi sospetti, tra cui due morti, l’Agenzia ha analizzato 257 casi di reazioni avverse. Una ragazza di 16 anni, è morta  a seguito di un arresto cardiaco mentre stava ballando in discoteca e dopo aver consumato queste bevande e alcolici. Insomma, per l'Agenzia questi eventi cardiovascolari sono “molto probabili” in soggetti geneticamente predisposti.
Sono state riportate altre reazioni avverse: psico-comportamentali (attacchi di panico, nervosismo) o neurologici (epilessia). “Questo è molto preoccupante. Queste bevande non sono affatto banali”, ha detto Irene Margaritis, capo della unità di valutazione del rischio legato alla nutrizione dell’Anses. Soprattutto perché queste bevande stanno attirando sempre di più. Le vendite di Red Bull (il leader di mercato in Francia con il 40%), sono aumentate del 38% nel 2012.
Nel marzo del 2013, uno studio dell'Agenzia europea per la sicurezza alimentare (EFSA) ha mostrato che il 30% degli adulti le ha bevute, il 68% dei 10-18 anni, e il 18% dei bambini da 3 a 10 anni. Molto popolare tra i giovani, che spesso come cattiva abitudine promuovono il binge drinking. “Tale miscela riduce il gusto e la percezione dell'alcol favorisce situazioni di rischio e aumenta il rischio di disidratazione," ha detto Franck Fourès, vice direttore dell’Agenzia.

Le bevande energetiche e l’attività fisica: attenzione ai rischi.
Secondo l’Agenzia francese il 41% le utilizza prima, durante o dopo l'attività fisica, anche se “non hanno alcun valore nutritivo”. Al contrario, la caffeina ha molti effetti eccitanti e reazioni avverse.
Viene in proposito citato anche uno studio condotto da ricercatori dell'ospedale pediatrico di Zurigo, pubblicato il 26 settembre scorso sulla rivista PLoS One, che ha dimostrato come bere tre o quattro tazze di caffè al giorno porterebbe ad una riduzione del sonno e a un ritardo dello sviluppo del cervello.
Dai numeri del rapporto dell'Agenzia emerge poi che il 30% della popolazione francese adulta supera la soglia di caffeina, che corrisponde a 6 espresso al giorno per un adulto. Ma il problema riguarda anche i bambini: tra i 0 e 3 anni risulta una percentuale di consumo in eccesso di caffeina tra l'1 e il 2 %. Per salire all'7% tra i bimbi compresi tra 3 e 10 anni e all'11% tra gli 11 a 14 anni.
“Queste cifre sono allarmanti, l'impatto sul sonno dei giovani e il rischio di comportamenti di dipendenza esiste”, spiega al quotidiano Le Monde Franck Fourès. Tutti questi dati dovrebbero far riflettere i genitori. Dobbiamo aspettarci più morti per agire? Si chiede l’esperto. “Sarebbe utile a vietare la vendita ai minori, o per essere un forte deterrente per la vendita di questi prodotti", ha dichiarato il deputato socialista Pascal Terrasse. Sulla stessa lunghezza d’onda il suo collega di partito Gerard Bapt, che auspica un emendamento al disegno di legge di finanziamento l'istituto di previdenza sociale di una tassa di 50 centesimi al litro. “Un tentativo che non è riuscito l'anno scorso”.