Giovani e contraccezione d’emergenza. Ostetriche in prima fila per offrire supporto

Selezionata da Pietro Cazzola

contraccezioneAffamati di informazioni, bisognosi di confrontarsi con i coetanei, e non solo, per ricevere “dritte” sulle soluzioni da prendere, ma anche rassicurazioni che li sollevino dall’ansia di aver commesso errori irreparabili. È questo il profilo dei giovani della “generazione 2.0” che, dopo un rapporto sessuale a rischio di gravidanza indesiderata, navigano sul web a caccia di notizie immediate e attendibili sulla rotta da seguire per assumere la contraccezione d’emergenza. Ma anche per sentirsi dire se devono temere o meno possibili effetti collaterali, reali o immaginari, dopo aver assunto la pillola del giorno dopo. Sono ragazze, ma anche ragazzi, insicuri e spaventati spesso fino al panico, ai quali le ostetriche/i dell’Associazione Italiana di Ostetricia (A.I.O.) hanno deciso di tendere una mano per diventare un punto di riferimento affidabile e chiaro che li indirizzi verso le soluzioni più adeguate nei momenti di incertezza sulla loro salute sessuale e riproduttiva.
E per consolidare il loro ruolo di “counsellor” hanno avviato un progetto di formazione, rivolto a medici e ostetriche, sulla salute sessuale dei giovani per una procreazione responsabile e una consapevolezza sul tema delle malattie sessualmente trasmissibili.
 
Una partnership vincente con i Ginecologi.
A dare il via al progetto, un’indagine realizzata da Boto srl in collaborazione con Frozen Frogs sull’intero universo del web. Sono state analizzate 1.370 conversazioni sulle principali piattaforme 2.0, relative quindi a forum di discussione on line, considerate più significative sul tema della contraccezione d’emergenza.
Cosa è emerso? I ragazzi sanno che in caso di emergenza la loro stella polare è il consultorio, ma non hanno individuato in maniera chiara i soggetti professionali ai quali rivolgersi (spesso sono usati in termini aspecifici come dottoressa, assistente, ecc.). Tuttavia nel “tam tam” dei consigli, l’Ostetrica/o viene raccomandata come professionista competente e capace di attuare una accoglienza ottimale a garanzia della riservatezza.
“L’analisi delle conversazioni web – sottolinea Antonella Marchi, Presidente dell’Associazione Italiana di Ostetricia – ci conferma che l’Ostetrica/o rappresenta il front office per le donne e i giovani in generale, che si rivolgono alle strutture sanitarie per la loro salute sessuale. L’Ostetrica/o è una professionista sanitaria che spesso agisce da trait d’union tra medico e paziente, effettuando un adeguato counselling durante quel delicato momento che è la richiesta di contraccezione d’emergenza (CE)”.
In Inghilterra esistono già queste figure con una formazione ad hoc, spiega la professoressa Rossella Nappi, ginecologa presso l’Università di Pavia che ha dato il via al progetto insieme alle ostetriche dell’A.I.O., e ricorda come sul tema della CE bisogna sfrondare il campo da pregiudizi e false credenze: “Si tratta in realtà di una semplice forma di contraccezione da attuare dopo un rapporto a rischio di gravidanza, una scelta fondamentale per evitare il più possibile che le donne si confrontino con l’evento traumatico di una eventuale interruzione volontaria“.
 
Timori e ansie della “generazione 2.0”.
Più di tre donne su dieci hanno informazioni parziali se non addirittura sbagliate sulla contraccezione d’emergenza. Sanno poco o nulla sugli effetti e sulla percentuale di riuscita della pillola del giorno dopo. Ed anche sui suoi effetti collaterali. È quanto emerso dall’analisi delle conversazioni sui principali forum del web. Soprattutto, dalle parole adottate dalle donne che hanno avuto un rapporto a rischio, emergono preoccupazione, ansia e addirittura panico. Hanno bisogno di rassicurazioni per capire quali sono le mosse giuste da fare, tant’è che la domanda più frequente riguarda l’iter da intraprendere per farsi prescrivere il farmaco. Anche chi lo ha già assunto manifesta dubbi e paure. Uno stato d’animo che testimonia come, diversamente da quanto raccomandato dalle società scientifiche, alla donna non vengono fornite sufficienti informazioni e non viene eseguito un adeguato counselling. Ma il dato più allarmante è che tra i naviganti il timore di malattie sessualmente trasmissibili è l’ultima delle preoccupazioni: appena lo 0,5% esprime ansia per la possibile trasmissione di malattie sessuali in seguito a rapporti non protetti. Rapporti a rischio ai quali si espongono quasi sette volte su dieci.

Ragazzi alla ricerca di una guida.
Dall’analisi delle conversazioni emerge quindi la necessità di una professionista esperta che unisca competenze tecniche e professionali ed anche la capacità di accogliere e contenere l’emotività e l’ansia che invariabilmente si legano al rapporto a rischio di gravidanza indesiderata e all’assunzione della contraccezione d’emergenza. Caratteristiche che le ragazze individuano nell’Ostetrica/o: “A me è successo proprio ieri di avere rapporti a rischio (si è rotto il preservativo), per la paura oggi sono corsa nel consultorio per farmi prescrivere la pillola del giorno dopo, sia la ginecologa che l'ostetrica hanno detto di stare tranquilla...se non lo sanno loro che è il loro lavoro...”.
I consigli dell’Ostetrica/o sono considerati risolutivi, e le donne si fidano di loro “perché, non direbbe qualcosa che potrebbe nuocere alla mia salute ...”.Ed anche chi ha avuto una buona esperienza con un’Ostetrica consiglia di rivolgersi a questa professionista in caso di bisogno: “Vai all'ospedale o al consultorio e chiedi di parlare con una ginecologa o un'ostetrica; vai senza paura. Io ho parlato con un'ostetrica gentilissima che mi ha messo a mio agio. È andato tutto bene”.
 
“Le donne che si rivolgono alle strutture sanitarie – ha spiegato Elsa Del Bo, responsabile del progetto per A.I.O. – arrivano spesso in situazioni di emergenza con le idee confuse e un forte carico di ansia e dubbi. Ecco perché abbiamo voluto costruire un percorso di formazione ad hoc sul corretto counselling sia per la contraccezione d’emergenza, che per la contraccezione e le infezioni sessualmente trasmissibili. Queste infatti sono le problematiche che più frequentemente, come emerso dall’analisi, richiedono attenzione e partecipazione da parte dei professionisti sanitari del territorio e dell’ospedale”.
 
Ginecologo e ostetrica: una collaborazione vincente.La collaborazione medico–ostetrica è la chiave di volta per far ben funzionare i servizi territoriali e soprattutto offrire un servizio di qualità alle utenti.
“Avere una figura professionale qual è l’ostetrica – sottolinea Giovanni Fattorini, Presidente Associazione Ginecologi Territoriali (AGITE) - in grado di mediare e preparare adeguatamente le donne al successivo incontro con il medico, semplifica e rende più fruttuosa la relazione terapeutica. In questo modo infatti il medico può dedicarsi alla parte più strettamente “tecnica”, la prescrizione, e completare il lavoro di counselling. Se la prima fase anamnestica/clinica venisse sempre condotta dall’ostetrica il medico avrebbe più tempo da dedicare alla corretta informazione, presentando i vantaggi e svantaggi dei diversi metodi contraccettivi d’emergenza, le loro caratteristiche principali, ma anche i limiti delle varie metodiche, e prospettare le diverse opzioni per permettere alla donna una scelta consapevole.
Oggi ad esempio – aggiunge – abbiamo molecole innovative come Ulipristal acetato che hanno una efficacia maggiore rispetto alle precedenti formulazioni nel ridurre il rischio di gravidanze indesiderate, ma ci vuole appunto tempo per illustrare con completezza alla donna tutto questo. Un primo incontro con l’ostetrica, sgombrando l’ansia e le tante paure che coinvolgono le donne e/o le coppie che richiedono la CE facilita quindi il successivo percorso prescrittivo. Dal momento che è fortemente raccomandato assumere il farmaco il prima possibile, questa facilitazione è essenziale per render più efficace la metodica”.
 
Il progetto di formazione.
Il progetto partito dall’analisi web punta a formare Medici e Ostetriche/i . Un primo corso è già stato organizzato a Roma (10-11 Maggio 2013) con alcune Ostetriche/i A.I.O. provenienti da quasi tutte le regioni. Tra i docenti la professoressa Barbara Suligoi, Responsabile del servizio delle MST dell‘ISS per il tema delle infezioni sessualmente trasmissibili, la Professoressa Rossella Nappi per il tema della contraccezione d’emergenza, la Dottoressa Elsa Del Bo sulla funzione educativa di counsellor ed il Professor Giovanni Fattorini per i temi inerenti la contraccezione. Nei prossimi mesi saranno organizzati eventi formativi a cascata per aggiornare altre professioniste in grado di affrontare con competenza i temi della salute sessuale e riproduttiva.